Costruzione Artificiali Artigianali

Torrente Borbera

Introduzione

Pescabile dalle sorgenti alla confluenza con il Torrente Scrivia, nei pressi di Serravalle Scrivia. Torrente veramente perfetto, con corrente non troppo violenta ed in periodo estivo soggetto a scarsità di acque. Passa da tratti pianeggianti con greto molto ampio a gole simili ad orridi.  

torrente borbera pesca trote

Giudizio

Ottimo per quanto riguarda la qualità delle acque; la densita' del pesce non eccelle: specialmente nella parte alta (dalle strette in su') presenti trote di qualita' super, ma bisogna andarle a cercare.

Varietà di pesci presenti

Trota fario, trota iridea (anche selvatica), vairone, alborella, barbo dorato, barbo canino, cavedano, striscia.

Difficoltà

Non poche sono le difficolta' presenti: a prescindere da quelle gia' esposte sulla pesca, molti punti dei torrenti sono praticamente impraticabili ed anche la risalita presenta non pochi ostacoli. Prestiamo molta attenzione a risalire strozzature degli alvei in presenza di abbondanti precipitazioni: la portata d'acqua di questi torrenti, normalmente irrisoria, e' capace di aumentare in modo esponenziale nell'arco di lassi di tempo molto brevi.

torrente agnelasca careghino gordenella pesca trote

Semine effettuate

Le semine avvengono a cura della Provincia di Alessandria in tutti e tre i torrenti. Non ci risultano semine negli ultimi 3 anni.

Particolarità di rilievo

Non risultano presenti trote di lancio di misura: gli esemplari presenti sono totalmente inselvatichiti e pertanto molto diffidenti. Nonostante il fatto che molti degli esemplari presenti siano sotto misura, la pesca e' ugualmente divertente ed interessante, a causa della frequenza delle abboccate e delle bellissime livree di alcuni esemplari di trota iridea: si raccomanda la massima attenzione nel recupero e nella successiva fase di rilascio. Il corso dei torrenti (in particolar modo Casalino ed Agnellasca) viene spesso interrotto, anche in presenza di buona portata d'acqua, da tratti asciutti a corso totalmente sotterraneo. Questo fatto consiglia due cose: non presenza di abbondanza di acque, non insistere piu' di tanto in tratti dove non si riscontrano abboccate, in quanto potrebbe trattarsi di uno di quei tratti che normalmente restano all'asciutto e quindi sono privi di ittiofauna. Il secondo consiglio e' quello di non abbandonare la risalita incontrando un pezzo di alveo totalmente secco: l'acqua sotto c'e' e, proseguendo, certamente in breve il torrente fara' nuovamente capolino nell'alveo, anche con buche molto interessanti. Un'ultima indicazione: nella zona, lungo la strada provinciale, esistono parecchie aree attrezzate messe a disposizione gratuitamente dalla Provincia di Alessandria.

torrente agnelasca careghino gordenella pesca trote

Tecniche di pesca

I torrenti sono adattissimi per la mosca secca, tuttavia maneggiata da veri esperti, in quanto la scarsezza e la limpidezza delle acque rende totalmente vano qualunque tentativo di pesca affacciati sul corso d'acqua. E' opportuno, dove e' possibile, mantenersi a tre/quattro metri dal torrente e lanciare a monte od a valle avendo cura di evitare ripetute frustate che possano allarmare la trota: la frustata deve colpire al primo colpo una zona in cui possa avvenire la cattura. Ripetuti passaggi con la coda allarmano irrimediabilmente il pesce di misura, riducendo le possibilita' di cattura ad esemplari meno diffidenti (chiaramente di piccole dimensioni).

Efficace, anche se meno spettacolare, anche la mosca sommersa. Per quanto riguarda lo spinning molto efficaci sono i cucchiaini di piccole dimensioni 1 o 2 a volte anche lo 0, raccomando qui di sostituire l'ancoretta con un amo singolo privo di ardiglione di modo da consentire il rilascio con il minor danno possibile, ottimi sono anche i minnow, sempre di piccole dimensioni dai 3 ai 5 cm, palettati e non, meglio se affondanti e dai colori naturali. Praticabili le tecniche con esca naturale: a causa della diffidenza del pesce si consiglia tuttavia l'uso di canne fisse (tecnica di lancio ad elastico) o di piccole dimensioni, affidando tutto al polso fermo ed alla nostra perizia in un lancio con pochissimo piombo, anche a notevole distanza. Una particolarita': queste trote, pur molto diffidenti, se non sospettano l'inganno, sono voracissime: pertanto, anche se il lancio non colpisce il centro o la sommita' della buca, evitiamo di ripeterlo: smuoveremmo l'acqua allarmado  irrimediabilmente il pesce; sara' la trota stessa, incuriosita dall'inaspettata intrusione nella sua buca, a venire a cercare l'esca. Sempre per i motivi sopra esposti, continuiamo (imperterriti) a consigliare l'utilizzo di ami privi di ardiglione (o con l'ardiglione schiacciato) onde facilitare il rilascio degli esemplari catturati.

Posti consigliati

Il Gordenella, come detto in precedenza, risulta all'attualita' chiuso alla pesca, pertanto nessun posto puo' essere consigliato. In quanto all'Agnellasca, l'unico consiglio che e' possibile fornire e' di iniziare la risalita nei pressi dell'abitato di Cabella Ligure e di iniziare la risalita dell'alveo localizzando, anche nella piana, le buche a maggiore profondita' (ricordiamo sempre di non avvicinarci all'acqua oltre i 3/4 metri e di non proiettare ombre sulla buca insidiata) Le migliori possibilita' di catture, secondo noi, sono effettuabili nel tratto nei pressi della confluenza con il Careghino, in cui abbiamo notato esemplari di dimensioni piu' che interessanti. Presenti in zona diversi tratti di chiusura totale della pesca, accuratamente palinali: prestare la massima attenzione ai cartelli presenti. 

Percorso, cartina e regolamenti

torrente agnelasca careghino gordenella pesca trote torrente agnelasca careghino gordenella pesca trote

Elenco delle più vicine uscite autostradali

Uscendo dal casello di Serravalle Scrivia girare per 300 gradi intorno alla rotonda ed entrare in Serravalle Scrivia. Quasi in fondo al paese, svoltare a sinistra seguendo l'indicazione per Vignole Borbera.  Giunti all'abitato di Vignole, svoltare a sinistra seguendo le indicazioni per Cabella e Borgetto Borbera. Superare il paese di Borghetto utilizzando la circonvallazione e puntare in direzione Cabella. Giunti a Cabella Ligure, superare il paese seguendo le indicazioni per Carrega. Il ponte sull'Agnellasca dista solo poche centinaia di metri. Per raggiungere gli altri due torrenti, servirsi della cartina sottostante. 

Approdi

Le strade seguono i corsi in maniera abbastanza fedele, tuttavia gli avvicinamenti ai torrenti non sono sempre facili per via delle sponde assai scoscese. Si consiglia di lasciare la macchina nei pressi di un ponte o di un guado e di iniziare da li' la giornata di pesca.